Menu

A EXPO PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITA’

Oltre 23 mila specie animali e vegetali. È questo il patrimonio della biodiversità in Lombardia che ogni giorno viene tutelato e protetto nei campi e nelle stalle. È quanto ha affermato la Coldiretti regionale in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità che si è celebrata il 22 maggio anche nel padiglione “No farmers’ no party” della Coldiretti a Expo a cui abbiamo partecipato con i nostri ragazzi.

“Sono tanti gli esempi di come il lavoro degli agricoltori sia fondamentale per la difesa della natura – ha spiegato  Ettore Prandini, Presidente Coldiretti Lombardia – Anche qui nella nostra regione abbiamo imprenditori che si sono dedicati a salvare specie in via di estinzione e recuperare varietà vegetali antiche che rischiavano di sparire per sempre”.

Si va dal mais blu utile all’apparato circolatorio recuperato a Cornate d’Adda (Mb) a quello nero ricco di antiossidanti coltivato in provincia di Cremona, dove si produce anche l’antica varietà del grano monococco, che contiene poco glutine ed è quindi adatto a chi soffre di intolleranze alimentari. Oppure ci sono il mais spinato di Gandino (Bg) ( di cui ci siamo fatti promotori)  o la patata viola di Sondrio, senza dimenticare l’antica mela campanina salvata nel Mantovano. Non si può poi dimenticare il legame che c’è tra la tradizione casearia lombarda e la salvaguardia di numerose specie bovine e caprine, come la mucca Pontremolese i cui progenitori, secondo la leggenda, trasportarono il marmo utilizzato da Michelangelo per scolpire il suo celebre Mosè. O come la vacca Burlina o la Varzese, razze autoctone dell’Italia del Nord celebri per la loro capacità di lavoro e la qualità del loro latte, allevate in provincia di Pavia, nel Milanese e nel Lodigiano.  Ai due estremi della Lombardia abbiamo in Valtellina la pecora Ciuta, una razza ovina “bonsai” perché è la più piccola delle Alpi, mentre a sud nel Mantovano ci sono ancora i fagiani venerati, la robusta maculata e la robusta lionata che sono due tipi di galline caratteristiche della pianura padana. Nel Comasco, infine, troviamo la capra nera di Verzasca e nel Bresciano c’è chi alleva le capre Bionde dell’Adamello.

Ecco la foto di alcuni dei ragazzi partecipanti

unnamed[5]

 

 

Notizia del 25 maggio 2015 Nelle categorie Clusone · Scuola 21