Menu

Martedì 10 novembre sarà una serata speciale al Matè, il ristorante che ha appena aperto i battenti nella rinnovata sede dell’ex Upim a Treviglio. Ad accogliere i clienti in sala non sarà solo la consueta ospitalità dei gestori, ma anche la gentilezza di alcuni camerieri speciali, che si avvicenderanno al servizio ai tavoli del ristorante ogni martedì sera. Si tratta di tre fra i sei ragazzi e ragazze con sindrome di Down e con disabilità cognitive impegnati abitualmente nelle cooperative Insieme di Treviglio e Fili Intrecciati di Brignano.

Camerieri improvvisati, dunque? Certo che no!

Per “imparare il mestiere” hanno seguito un percorso di formazione presso il CFP di Treviglio, nell’ambito del Corso di Operatore della ristorazione – servizi di sala e bar. A rotazione, per tre giorni la settimana nell’arco di due mesi, accompagnati dai loro educatori, sono stati inseriti nelle classi prima e seconda del nostro corso, sotto lo sguardo attento dei nostri docenti Ivan Capelli e Giuseppe Tironi. Fondamentale la loro guida, ma non meno significativo il lavorare fianco a fianco con i nostri allievi, che li hanno accolti con spontaneità e naturalezza.

L’esperienza si è rivelata un piccolo ma significativo esempio di inclusione sociale, dove tutti i protagonisti si sono impegnati per la realizzazione di un obiettivo comune.

È molto importante sottolineare, inoltre, che tre su sei di questi ragazzi sono ex allievi dei nostri Percorsi Personalizzati (di Caravaggio prima e di Castel Rozzone poi), a suo tempo inseriti nelle Cooperative alle quali erano stati indirizzati al termine del loro percorso al CFP, dopo avervi condotto un periodo di stage. Un piacevole ritorno, all’insegna di quella formazione continua che dovrebbe caratterizzare tutti i percorsi formativi, non esclusi quelli delle persone con disabilità.

20151112080755(1)Non sappiamo se questi ragazzi saranno pronti ad affrontare il difficile compito che li aspetta e non possiamo neppure prevedere se romperanno qualche bicchiere o se inciamperanno in qualche pasticcio verbale… Di sicuro sappiamo che ci metteranno il massimo impegno. In ogni caso, la convenzione stipulata dalle Cooperative con il CFP di Treviglio e l’accordo con Matè prevedono che entro giugno si possano individuare altri momenti formativi, in cui affrontare gli eventuali problemi che possano sorgere in itinere.

Che aggiungere infine, oltre a ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile l’iniziativa, il nostro direttore Baretti in primis, che ha accolto con favore l’iniziativa? Non si può che concludere con un invito, che renda merito al lavoro dei ragazzi: che ne direste di sperimentare di persona la loro professionalità? Loro non aspettano altro…che servirvi!

20151112080754

Notizia del 13 novembre 2015 Nelle categorie Dalle sedi · Treviglio